Domande frequenti sull'alimentazione

FAQ - alimentazione

prima di iniziare alcune precisazioni:

ALIMENTAZIONE
identifica un atto naturale, consapevole e spontaneo di scelta di cibo ed acqua mediante i quali ci nutriamo.

NUTRIZIONE
l’insieme dei processi fisiologici che comportano l’assorbimento e l’utilizzo dei nutrienti assunti con l’alimentazione.

N.B NUTRIZIONE ED ALIMENTAZIONE NON SONO SINONIMI

IDRATAZIONE
procedura che mira a garantire il bilancio idroelettrolitico dell’individuo  che si ottiene di norma mediante l’assunzione naturale o artificiale di una quantità adeguata di liquidi e minerali.

NUTRIZIONE ARTIFICIALE
è un trattamento medico grazie al quale è possibile nutrire un paziente quando l’alimentazione è compromessa in tutto o in parte

  • A cosa servono l’alimentazione e l'idratazione forzata?
    E’ un atto medico (che utilizza strumenti e procedure particolari) che tende a garantire l’assunzione adeguata di liquidi e minerali  ed un’adeguato assorbimento di nutrienti (nutrizione) per pazienti non in grado di ottenerli per via naturale. Essendo un atto medico (non un atto assistenziale) necessita del consenso del paziente. Diventa “forzato” quando non è espresso in modo documentabile “il consenso informato” del paziente o suo delegato.

  • Come entrambe influiscono sul dolore?
    Non possono considerasi come cure palliative. In quanto trattamenti sostitutivi dell’alimentazione naturale possono trovare indicazione nell’ambito di programmi di cure palliative, accanto ad altri provvedimenti medici (e non) riservati a pazienti in cui non sia più possibile un trattamento eziologico o curativo della patologia di base. Pertanto non hanno un’azione diretta sul dolore per il quale trattamento sono meglio individuabili interventi farmacologici. Esistono alcuni dati che proverebbero l’effetto antalgico ed ansiolitico della disidratazione attraverso la produzione di endorfine.

  • L’alimentazione e l'idratazione forzata influiscono sulla durata e qualità della vita?
    Sicuramente possono influire sulla durata e qualità di vita del paziente terminale se come ritengono molti:

    1. L’iperidratazione del morente può accentuare la dispnea fino all’edema polmonare;

    2. Il supporto nutrizionale può prolungare la fase agonica;

    3. La disidratazione riducendo le secrezioni del tratto gastroenterico può ridurre la nausea ed il vomito nella fase terminale;

    4. La disidratazione riducendo le secrezioni delle vie respiratorie può ridurre la tosse ed il rantolo;

    5. Idratazione forzata può aumentare l’incidenza degli edemi e versamenti pleurici o addominali (ascite);

    C’è però tra i medici chi ritiene che:

    1. La disidratazione è causa frequente di confusione mentale, agitazione, irritabilità muscolare;

    Non esistono evidenze in letteratura che il reintegro idroelettrolitico sia in grado di prolungare la vita quindi la sofferenza del paziente terminale;

    In conclusione non esistono dati certi che possono indicare quando un trattamento di nutrizione artificiale sia veramente benefico in un paziente terminale, ma la letteratura è concorde nel ritenere indicata la nutrizione artificiale nel malato in fase avanzata quando l’attesa di sopravvivenza sia almeno di 3 mesi.

    Nel malato terminale preagonico o con attesa  di vita di pochi giorni o settimane la nutrizione artificiale non è di norma indicata. In tali pazienti è assente il senso della fame e sete.

 

  • L’alimentazione ed idratazione forzata influiscono sulle lesioni da pressione (piaghe da decubito) ?
    E’ noto che la nutrizione e l’idratazione sono fattori favorenti la guarigione delle lesioni da pressione nei soggetti allettati non affetti da malattie oncologiche terminali.
    Nei malati terminali ma secondo alcuni studi anche in molti oncologici anche non terminali l’alimentazione ed idratazione forzata non hanno alcun effetto sulla guarigione o miglioramento delle lesioni da pressione per i quali esistono ben più importanti trattamenti  medico-assistenziali. 

 

  • La nutrizione è o non è una procedura a sostegno della vita e perché?
    Abbiamo due visioni e pensieri diversi:

    1. “Sanctity of life position” (Sacralità della vita): deve sempre essere assicurata la nutrizione ed idratazione, indipendentemente dagli stimoli della fame o della sete, dall’aspettativa di vita, dall’impatto sulla qualità di vita o dalla volontà presente o espressa precedentemente.
      Posizione che considera la vita un bene inviolabile, con una sua dignità intrinseca, indipendente dallo stato di coscienza e della capacità di interagire con gli altri.
      Per cui la nutrizione ed idratazione sono considerati atti ordinari di “assistenza”.

    2. “Quality of life position”(Qualità della vita):  sono considerati accanimento terapeutico se mantiene una vita che ha un carico di sofferenza o di passività superiori alla gioia o alla speranza.

    La  nutrizione e l’idratazione sono considerati atti medici (non assistenziali), quindi il paziente è al centro del processo decisionale.